Scaffali
Altro Amicizia Amore Comicità Dedica Donne Erotismo Fantasia Festività Introspezione Morte Natura Ribellione Riflessioni Satira Sociale Spiritualità Uomini Vernacolo
Pubblicità
Il laghetto di Villa Borghese
Renato Fedi
Pubblicata su Athena Millennium il 07/03/2006

Scendevo dal parcheggio sotterraneo,
verso Piazza di Siena,
con un bimbo al mio fianco.
Non capivo dov'ero: confusione intorno,
fanciulli sul treno gommato,
la giostrina, le grida e le risa infantili.
Il vecchio cinema nel casotto di legno
ed i films visti almeno tre volte.

Una striscia d'asfalto
e al di là quel ruscello inaridito
che va verso il lago:
il mio fiume africano!

Ecco barchette fiorire da gusci di noci,
stecchini per alberi e a vele foglie insecchite.
Ecco il leone di pietra accucciato
a far trofeo in una foto ingiallita;
la giungla inesplorata
rinascere dal profumo delle pigne cadute,
dal rumor delle fronde smosse dal vento.

Torna amico all'udito
lo scalpiccio dei passi sulla ghiaia dei viali:
stringo adorando una mano
che forse è la mia che ebbi materna.

Nasceva
un altro bambino al mio fianco.

09/09/2006 - Fiorella
Renà quant'è bella sono commossa fino alle lacrime :) un abbraccio Fiore
09/09/2006 - telly
... CHE BELLA!...
09/09/2006 - Elia Carlucci
Vengo a ricambiare la visita e... mi trovo immersa in un'atmosfera onirica e piena di puerile [nel senso originario, più bello, del termine] suggestione.
1