Viv la vita

ad un amico in seguito morto per overdose

 

Ciai quarche cosa che te brucia in còre,

e pe’ questo la voressi fa’ finita?

Ma ciai pensato che in fonno la vita

è solo un frulla’ d’ali;

è un friccico d’amore

e che nun è er peggiore de li mali

anzi, è er mijore?

 

Da’ retta a me che so’ più vecchio assai

e ancora de ‘sta vita ciò l’arsura:

vivela tutta, nun ave’ pavura;

pensa solo a l’amore.

Allora capirai

che le spine che te ciavevi in còre

nun so’ esistite mai.

 

 

 

Altre opere di questo autore