Respira

Siamo in due
a conoscere il punto d'inizio
ma della fine
non abbiamo percepito
ancora la minima ombra

Tu suoni il pianoforte
cosi bene
da farmi spavento
mentre io non faccio
che sognare l'attimo fuggente
- e rimango indietro
come un povero idiota
col fazzoletto in mano -

Un canarino canta
dentro la gabbia
ha la zampa spezzata
e il collo deforme
- a volte la gente muore
ma oggi no
è la vita a dominare
la parte più bassa dell'atmosfera -

Non perdere tempo
a contare le ore e i giorni
- prova a fare un passo avanti -
godi dell'armonia ambigua
che genera fango ed amore
e respira ...

Apri finalmente gli occhi
e respira ...

Altre opere di questo autore