Terrore al supermercato

Un bambino strilla
- riempie il supermercato
di grida e di pianto -

La madre tranquilla
continua a fare la spesa
- mentre la gente intorno
comincia a mormorare -

E' lunga la fila alla cassa
- il bambino s'imbestialisce -

Ma lei non se ne cura
e si guarda allo specchio
- s'aggiusta il rossetto -

Il bambino prende di mira
una bottiglia di pomodoro
- la fracassa a terra
con cattiveria -
le scarpe di due signore
in coda
ci rimettono il colore
- e meno male
che non portavano le calze! -

Non chiede nemmeno scusa
la genitrice annoiata
- cerca i soldi
e non degna d'uno sguardo
il figlio
che tormenta i timpani
delle accalorate cassiere
- e quelli d'una ventina
di clienti -

Poi finalmente paga
e se ne va
- in silenzio
mentre il bambino
rilancia imperterrito
la sua sinfonia omicida
e prende a calci la porta
prima di perdersi
lungo il viale privo di foglie  -

Altre opere di questo autore