Il mio rifugio

Come un satellite Che guardo da lontano Io punto teso l?indice quasi a toccarti Qualcuno ti strapp? dalla mia mano Ed io rimasi solo nel giardino Persi me stesso da quel giorno in poi E i giochi fatti con il mio compagno. Da quel momento per me tu sei stato Mille cornici appese senza foto Giornate vuote attaccate al muro Fino a quando non mi hai ritrovato tu Non pi? satellite, da allora mio pianeta Il mio rifugio fatto di paglia e creta La mia certezza in canne di Bamb? Io mi rintano spesso in te sicuro Butto uno sguardo alle cornici al muro E? tanto tempo che non ne appendo pi? Ho qualche foto scatti fatti in fretta Diamanti di giornate meno vuote A volte tengo la tua mano Che sempre non vorrei lasciare mai Per? tu sei pianeta D?altro satellite Che gira intorno a te la notte e il giorno Ed io da molto ormai non son pi? solo Sento accanto a me qualcosa in volo Ed anche se parte per un?orbita lontano Non sono pi? solo, a volte ho la tua mano

Altre opere di questo autore