...ascoltami prima che s'acquieta il giorno

  ...il dolore è amorfo e s'acquieta
dietro le persiane del mare d'inverno
e nelle ormai tante primavere solcate
dal pianto e rimpianti, da errori
non desiderati, voluti e vissuti

Ascoltami ora
non ho più nulla, se non  l'amore
quello che resta d'una vita sofferta
alitata nel grembo dei giorni smarriti
e mai avuti, assaporati nelle stanze

delle stagioni, quando il sole splendeva
annodava i fiocchi nei verdi capelli
...l'anima odorava di grano, ma...
le mani stringevano solo neve
e dagli occhi, una riga di bianchi

cristalli  nel volto ancora in  fiore
e ancora in questo autunno che profuma
di tramonto e i sogni più non desta
...ascoltami ora, prima che scende il giorno
e il telefono più non squilla...

Altre opere di questo autore