Mi manchi

Mi manchi in questi giorni tappezzati di nostalgia
e le caduche foglie
gli occhi fermi ad ascoltare i pensieri che tornano
trasparenti e azzurri, in concilio con il cielo.
Mi mancano le tue mani stringere le mie
in questa notte che cadono le stelle 
e gli steli di ginestre sul tavolo e  grappoli di sfaville

in questo tripudio del pantone che dipinge 
lamina di ogni ramo e  olezzi densi dell'estate
... avvolta nel candito lino profumato di spighetta
Mi manchi nella panchina ad aspettare il mio ritorno
mi manca il senso della felicità sottile,
percezione dell'amore veritiero,
mi manchi nel bianco violetto del mattino
che bruca la finestra...

mi manca la fragranza del caffè, alle cinque del mattino...

Altre opere di questo autore