Shalom cuore mio

Non voglio contare le spine e le rose
posate sul mio petto, in questa notte sul far del mattino
dove nella stanza c'è luce soffusa come la
luminaria dietro i vetri soffiata da una lieve
brezza marina

c'è tutta la mia vita dentro questa stanza
con il capo poggiato sopra profumati cuscini
ma è fuori che resta il pensiero e tace con aria
sommessa mentre sfoglia anni amaramente
perduti.

mi resta, mi vive il ricordo dei tempi
dal sapore di fragole e ginestra ma, il più prezioso
è quello dei figli al mio seno nutrire. In questa notte
di ricordi è quasi mattino e non capisco se è presto
se è tardi per chi torna dal ballo... per me...

altra notte di sabato uguale, a ieri e forse domani
ma cosa importa, tra poco c'è il rintocco allegro
delle campane che annunciano festa
" giornata di Pace"
Shalom Fratello mio"

Pace anche a te che hai seminato le rose di spine
sul mio cuore...il dolore ora è amorfo non da dolore
non sanguina più come la fronte di Gesù
in questa settimana di Passione per noi peccatori.

Dietro i colli s'alza il verde-violetto del festoso mattino
le macchine hanno trovato il sonno e la pace, lasciando
silenzio sotto la mia casa e libero il cammino delle Palme
da benedire
"Shalom" a voi che Amo e mi Amate"

Shalom cuore mio...Shalom...

Altre opere di questo autore