... di fulmini riempiva il suo grembo.

giocavano ansiosi i bambini
in riva al mare per costruire castelli;
dalle nubi sgusciavano lampi e dal mare
vedemmo partire quel treno.

Arrivò la tempesta di pioggia che
picchiava e picchiava, sulle rocce
sfaldate della memoria, mentre il mare
di fulmini riempiva il suo grembo.

Tutto s' acquietò...
esplose l'arcobaleno... non c' erano
più castelli né bambini a giocare, la stazione
sembrò svanita nelle nebbie inesistenti

...fu solo chimera tra i pensieri annodati dal tempo
o desiderio di salire sul sogno di quei bambini...

Altre opere di questo autore