Com'eri bella ier sera Roma

  Com' eri bella ier sera Roma
Volaveno li  gabbiani sopra er tetto de la città eterna
 e la poesia me strinze er còre dentro ar petto
che me fece usci ‘na lacrima gelata o forze pe' dispetto
penzanno a chi quer momento me faceva batte er core lesto lesto.
 E mò che faccio ?
Guardai ne l'aria pe' capì dove me trovassi,
 ero sopra er colle che comandò er monno,
ma chi comannava er core mio in quer momento
 era lontano chissà con chi a rimirà la luna.

guardai lontano me feci tutta via der Corso
 co'  l'occhi ‘ numiditi de pianto silenzioso.
Piazza Der popolo è sempre 'na maggia
 così dopo avemme abbraccciata a core a core Roma mia,
 decisi de tornà lungo er mare chè casa mia.

tornai co'  l'intenzione bona de fammo quattro risate co l'amico mio ,
ma dopo a casa capi 'na cosa che me fece penzà e ripenzà
e me fece puro fa 'na notte 'nzonne, penzanno a chi me pare
 e non lo saprà mai nissuno, tu me dirai a morè ma che dichi?

Marco Aurelio m'ha capito puro lui, è sceso dar cavallo
M'ha preso ‘n braccio e m'ha portato ‘ndò volevo io,
tu de gnente te sei accorto! 
          le guance mie pareveno le sponne der Tevere
          quando che straripa e inghiotte...
ma te  stavi sempre a rimirà la luna, a morè,  mejio così..
          damme retta mejo così ... 

Altre opere di questo autore