Galapagos e la notte di San Lorenzo

  (pensieri scritti da 50 mani)

un cielo viola distilla brezza,
orge di stelle lasciano la culla
per addormentarsi nella
cantilena del mare.


ultimo quarto di luce
pittura la lunga frangia
i grandi uccelli d'acciaio
scrivo di bianco l'azzurro


lievi veli all'orizzonte
amano il sole che
penetra nei fondali azzurri

inizia l'alta marea ...sollievo
per i nostri corpi tra luci e ombre
nel bagno asciuga


occhi scrutano quelli luminosi
i nostri cuori sognanti s'infilano
tra le braccia dell'altro,
non sovrasta il suono dell'anima
il canto del mare...


infinite piccole fiammelle
immerse nella sabbia attendono con noi
la tramontana di stelle illuminare
i nostri capelli scompigliati dai desideri

e tra l'azzurro e l'azzurro
nell'infinito una lunga scia d'argento
guida il nostro infinito


remember di musica dei nostri giovani anni
ci offrono le Galapagos, emozione negli occhi
di chi ha perduto chi amava

ore 2
milioni di stelle di carta colorata bruciano
dal mare, abbracciano con noi i desideri
scritti con il cuore, quando cadono le stelle

Altre opere di questo autore