Solo per chi ...

  Mi sento, come la notte che stende
senza pietà il pesante drappo nero
dove  vacillante è il mio vivere, ora
impenetrabile fiume è la mia anima
nell'ombra del sole

mi basta che il pensiero nel battito lento
mi porti fino a te lontano e non dal mio cuore
il mio pensiero per te non è un freddo volo
senza rinascita, senza una stazione dove
posarsi per riposare questa stanca vita

quante stazioni mi sono da fermaglio?
Poche, solo poche, solo per pochi intimi
... per chi ha visto scendere una lacrima
dalla mia anima...

Altre opere di questo autore