E quelle che credevo Primavera

Breve il tempo che indugia e il fico pianger? lacrime di miele i funghi adorneranno il sottobosco e la notte si gremir? di luna Danzer? il vento con le arse brocche.? Ritorner?, ti aspetter? nell?aia dove crescono i lamponi toglier? la parola alle notti senza occhi e a quelle che credevo primavera. (dedicata alla mia amica che ? volata dove c'? pace)

Altre opere di questo autore