Quando a sera Roma

  Quando a sera Roma

Confusa e immersa dai rumori
diventa magia  di luci che solfeggiano
amore e malinconia nell' anima
getti lo sguardo lontano  e
vorresti chiudere gli occhi
per non svanire in quel alito del ponentino
sopra il colle che regala emozioni e
a sera avvolge gli Angeli e non spegne la fiamma

Una mano Amica ti guida con amore, ti protegge
come fossi sua figlia, come fossi la donna che ama
mentre la magia di questa città aspetta...
aspetta qualcosa  che non arriva
E' calda quella stretta di dita, che ti conduce 
nel silenzio dell' anima che canta in nome
di un sentimento bello come l'amicizia...
Così, ti aggrappi, inconsapevole a vecchi e
nuovi merletti senza dare un nome... senza dare nome

quando a sera Roma si veste di mille abiti... il tuo cuore piange




(dedicata a chi con me ieri a condiviso l'emozione
sopra il colle e nella magica atmosfera che solo Roma ti sa dare)

Altre opere di questo autore