Chiara non ho mai visto il mare

Non ci lasceremo mai, dicesti tenendomi per mano, mentre guardavi lontano in chiss? quali orizzonti. Vedi Chiara, un giorno io salir? su quelle ali e mi porteranno lontano, sai, voglio conoscere il mondo vedere com'? lontano da qui... prendendo i miei capelli tra le tue mani cos?, continuasti guardandomi negli occhi Non preoccuparti ti porter? con me. Mentre osservavamo come quasi tutti i giorni il tramonto, ed ogni volta ci sconcertava con l'incanto dei suoi paesaggi che ci regalava, seduti nel giardino della torre mangiavamo frutti di bosco da noi appena raccolti, cos?, continuevamo per ore nel nostro parlare con la gioia semplice che viveva nei nostri occhi. Mi aveva un po rattristata la notizia della tua volont? di partire..anche se da li a pochi giorni io avrei lasciato questo posto di favole, per trasferirmi vicino al mare. Sai piccola, potremmo ammirare nuove aurore, altri tramonti, e raccoglieremo altre stelle su altri cieli, anche se credo, che nessun cielo ? bello come il nostro, vedi... il nostro ha anche il mare, guardalo lass? ? pieno di lampare. Chiara! mi sussurasti tra i capelli, io non ho mai visto il mare! Parlo di quello vero quello che ti bagna i piedi...tu tra giorni lo vedrai, ti prego mandami subito una cartolina, Fredda mattino d'inverno scesi dalle colline...m'incamminai per la via del mare. ti pensai, sempre eri sempre nei miei pensieri, nei mesi che susseguirono ti mandai la cartolina con il mio nuovo mare, come dicevi tu, quello vero che ti bagna i piedi, ti scrissi ;Andrea, ? infinito ma non ? il nostro... . Un giorno mi scrivesti; Chiara a giorni partir?, porter? con me, il tuo nome, i nostri tramonti e la nostra gioia semplice, ho gli occhi lucidi ma, quando torner? vedrai quante cose avr? da raccontarti. Andrea, Volasti lontano.... ricevetti molte lettere dicendomi che avevi girato tanto e ora volevi fermarti un po in Africa ricordo... che parlavamo molto dell'Africa, quasi tutte le settimane ricevevo la tua lettera dal colore verde....improvvisamente silenzio, avevo paura di pensare che ti fossi dimenticato di me, no, non era possibile la nostra gioia il nostro amore dov'era finito? Mille perch? zampillavano, frullavano, nella mia mente ,trascorsero ancora mesi...e ancora vuoti i giorni senza tue notizie. Per le feste di Natale tornai l? dove era immortalata la nostra gioia semplice, tra quelle spesse mura e salii fin lass? in alto la pineta e il vulcano spento mi riposai su quella roccia... la ricordi? ricordi quando salivamo su di lei in piedi e dicevamo Guarda.. guarda, si vede Roma! e dopo aver scelta la pietra pi? levigata ci siedevamo con le gambe incrociate io dietro a te perch? come tu ricordi ero e sono molto fifona e g?? nella crosta del vulcano verso l'interno... Ora, guardo l'intorno a me, non c'? neve sui monti, l'inverno affilato le sue cime, come una lama che ora che mi punge il petto questo ? il dolore che provo non avere tue notizie. Andrea, Andrea, dove sei? Resta immobile il mio sguardo nella valle, tra i rami s'intravede il volto della luna bianca, che spunta dietro il monte, ascolto il canto del ruscello, con il muto coro del laghetto come sempre dicevi, non mi piace il lago, non sono vive le sue acque mi spaventa. Con il giorno che si vestiva di scuro, si vest? anche il mio cuore di malinconia Tornai in paese... e in citt? Era un caldo giorno di Luglio avevo perso ogni contatto con te... innaspettatamente il postino, Signorina Chiara ... intravidi tra le sue mani la busta verde... non potevo crederci, mi sedetti sul letto per l'emozione. Aprii la lettera con avidit? Ciao Chiara.. perdonami se non ti ho pi? scritto sai... ho tanto camminato, ho avuto poco tempo ma sei sempre stata in me, il tuo pensiero non mi ha mai abbandonato sai... Chiara ... devo dirti, mio Dio! non so come dirtelo... il mio cuore stava impazzendo, avevo paura di finire di leggere la lettera perch? credetti che tu avessi un' altra...Chiara... io sono molto malato, anche se ora i dottori dicono che tra qualche giorno potr? lasciare l'ospedale... ho contratta una malattia molto rara, ho avuto febbre per mesi... Chiara! io appena posso e credo per il giorno di San Lorenzo di essere li mi hanno assicurato che potr? affrontare il viaggio ... sapessi come sono felice pensare che solo tra pochi giorni potr? riabbracciarti la notte di San Lorenzo torneremo l? dove possiamo accarezzare il cielo e rivedere il nostro mare .. ciao Chiara TI AMO a presto.. si Ti AMO sii felice mancano pochissimi giorni. Il 2 Agosto trovo una lettera, non era color verde, Gentilissima Signorina Chiara, purtroppo dobbiamo darle una triste notizia, Andrea ha avuta una grave ricaduta, Andrea... ha lasciato il suo ultimo respiro sussurando il suo nome... ci ha chiesto di spedirle questa lettera se le sue condizioni si fossero aggravate il resto torner? con lui. Non capii pi? nulla...Andrea parlava sempre di Lei della sua dolcezza...Andrea, non so se vivessi in quel momento leggendo la tua lettera... Mia Amata Chiara... perdonami io... non ho mai visto quei posti come ti dicevo, poco dopo che ero qui mi sono ammalato.. io ti chiedo solo se non dovessi pi? tornare ,ti prego torna l? dove la nostra gioia semplice viveva nei nostri occhi, Chiara... Chiara, Mio Dio, non ho fatto in tempo, Chiara guarda il nostro cielo anche per me, il nostro cielo con il mare io non ho mai visto un cielo pi? bello e con le lampare Chiara tesoro, non ho fatto in tempo, mi dispiace Chiara ... lo desideravo con tutte le mie forze Chiara! Sai non ho mai visto il mare ... Fiorella

Altre opere di questo autore