Lieve e Lontano suona l'Ave Maria


 Non era la stagione in fiore,
era di pomeriggio e fù presto sera,
Lieve e lontano suonò L'Ave Maria.
tardavano le stelle ad apparire
o forse ... solo distratta.

Guardai il tuo viso e
mi turbò il tuo sguardo così
deposi le mie fragili emozioni.
Ero smarrita piena di leggi,
scritte dal mio cuore, erano
colme di grazia e di bellezza.

Tra le tue braccia tremolante,
non conservai ne affanni ne dolori.
L'ultimo giorno che ti amai
era la stagione delle cicale
da quel giorno e nelle brevi notti
non ci fu più il loro canto
solo il pianto del mio cuore.

Ho dimenticato,
non ricordo più il dolore.
per sempre vivi in me.

Lieve e lontano suona L'Ave Maria

Altre opere di questo autore