Non compravo non vedevo pensieri

I sogni erano veri, In retr? con i pensieri, ricordo... si andava in piazzetta fuori porta nell'angolo riparato dal vento ad ascoltare inventare favole e cucire bambole di pezza. Prendendo ore e ore sottobraccio fino l'ora della novena... a squarcia gola s' intonava il canto pi? amato "Tu scendi dalle stelle o Re del Cielo"... mi proteggeva il torrione innevato e il ginepro gelato come le nostre mani e piedi in scarpette di pelle, noi raggomitolati dentro pesanti cappotti. Risuonavano le voci allegre dai vicoli. Tutt'intorno inghiottito dalla neve il paesaggio uscito da un libro di favole Pensavo solo al gioco Non impegnavo pensieri sul futuro, non pensavo che avrei tanto amato che avrei ricevuto tanto amore. Contava solo la gioia l'allegria la magia che emanava questa festa e mi abbandonavo felice, sfinita dai giochi all'abbraccio dei miei genitori, impaziente che fosse tutto in tavola e mio padre leggesse la letterina Cos? un altro Natale di allora ...si era felici con poco

Altre opere di questo autore