E' sera, non lasciarla andar via

Come potrei dimenticarti se il tempo che incalza mi porta e non mi allontana da Te. Sei stato il mio respiro, respiro e coltre della mia pelle e i nostri corpi uniti hanno amato teneri germogli, ora forti e sani arbusti scudo per l' intemperie della vita. Come potrei, dimenticare quel tempo che parlava del nostro amore e da lui ? nato un tenero, piccolo fiore che profumava il mio giovane seno, quel tenero Fiore che in un giorno di sole di Novembre lasci? le nostre mani e leggero come un viburno s'incammin? verso il Cielo... quel Cielo, chiamato Paradiso Come potrei, Oh! Si come potrei dimenticare quando i nostri corpi perlati, esausti, erano sparsi d'incenzo profumato di noi. Ora che leggo, nei tuoi occhi, nei miei occhi erranti pensieri, sogni spezzati e mai assopiti, attraversare sentieri, lunghi sentieri di malinconiche ombre, di tanto dolore Trascorrono gli anni, i mesi, i giorni e sere, E' sera ... non lasciarla andar via, f? che sia ancora nostra Fiorella Aprilia(LT)30 settembre 2004

Altre opere di questo autore