La mia Primavera

Crepuscolo d'aprile di maggio bella sera, un profumo sottile credei la primavera. Sognai le rondinelle volare al mio balcone, sognai ragazze belle cantare una canzone. Sognai...ma sogni vani sol diemmi primavera, echi di già lontani quando arrivò la sera. Non trilli d'augelletti risalutanti il maggio, non mai veraci effetti nel solitario viaggio. Se qualche volta il vento di rapida passione, cadde su me violento con furia di ciclone; Fuggì tosto veloce lasciandomi nel core un disinganno atroce e...maledii l'amore. Man mano che il futuro facevasi presente tingevasi d'oscuro ciò che parea lucente. A prole della vita, o giovinezza, addio, ora che sei svanita ne avessi almen l'oblio. Ti vidi appena il viso dipindo di contento, chè spentosi il sorriso incominciò il lamento. By Forgio®©

Altre opere di questo autore