LA STANZA DEI NONNI

Un letto a baldacchino maestoso come un coro d?altare bruno il castagno da cui fu intagliato dorati i riflessi del sole che l?accarezza al mattino Io bimbetta - ancora balbettavo - a giocare con le trine della coperta candida che mia nonna aveva tessuta con quei cotoni traslucidi e ritorti come corde di nave In quella nave su placide onde navigavo sognante a scoprire l?ignoto: un piccolo ragno che disegnava fiori nell?angolo della parete una farfalla che palpitava nella luce velata del lume una lucertola che cacciava formiche sul davanzale all?ombra delle persiane una rondine che si specchi? un giorno d?estate nel ?laghetto? del com?. Questo letto antico dimenticato per anni in una stanza serrata oggi l?ho restaurato lucidandolo a cera perch? ? qui che inventer? i miei sogni futuri in questo vascello con il quale traghetter? lo Stige chiudendo l?arco del tempo in un cerchio di vite. -

Altre opere di questo autore