AQUILONI

Guarda? un fiore immenso allarga i petali sottili e sale ondeggiando sostenuto dal vento i suoi colori d'arcobaleno diffondono riflessi luminosi nelle nuvole leggere del mattino un drago possente con una cresta rubino sfiora con la coda sfrangiata le piccole onde dello stagno spalancando gli occhi feroci al di sopra delle vette delle colline una manta bianca e nera veleggia irrequieta l'inseguono stuoli di farfalle intrepide che poi le chiudono il passo mentre le sue ali estese gettano un'ombra grigia sull'erba del prato e sui tetti del quartiere un pesce dalle scaglie verdi e oro riflette i raggi del sole in mille monachelle di luce che si specchiano nelle fauci spalancate mentre supera gli avversari con guizzi rapidi improvvisi gi? nel parco stormi di bimbi stanno appesi ai loro aquiloni tendendo e rilasciando le gomene ma? un'inattesa sferzata dell'aria strappa via mostri e miracoli via dalle piccole mani protese liberandoli per sempre nel blu sterminato

Altre opere di questo autore