Dolce fine

Di rose candita
quella morbida torta
decora la lignea bara
ove s'appoggia
dagli zuccheri
addolcita.
Tutta intorno
con meste riflessioni
sul timore del dopo
assorta la gente
sta, gremita.
Dinanzi
a simile leccornia
un fievole pensiero
s'affaccia
per schiudere
un'inaspettata gioia
senza alcun fine.
Trepidante
la folla s'avvicina
a cotanta bellezza
ricca di amabili
praline.
Gli occhi delizia
spolverando
dal cuore
la paura del poi.
Il rito del taglio
abbia inizio...
ci siamo anche noi!
Assaggiandola
con lentezza
il sapore
penetra la mente...
senza timore
il cuor conforta
del desiderio
di oltrepassare
felicemente la soglia
per entrare nel tempo
ove si dimora...

Altre opere di questo autore