Conchiglia

Ubriacato
da un ardente
sapore
accendi i sensi
per inebriarmi.
Bramosia e sete
cangiante passione
felino predatore...
assapori la pelle
per disarmarmi.
Dolce e prepotente
ti inoltri
negli intimi segreti
accarezzando
bisogni d'amore.
Armi seducenti
sono le tue mani...
non danno scampo
all'involucro
che contiene il cuore.
Sfiorano la nudità
con tocco di seta
donando
palese godimento
ad un magico risveglio.
L'anima concupiscente
lascio andare
modificando
il mentale aspetto
per accoglierti meglio.
Divengo
aperta conchiglia
abbandonata
su spiagge dorate...
fulcro del loro centro.
E tu
tiepida onda
spingimi
ove bagnate gocce
in me si fondano dentro.

Altre opere di questo autore