Abissi

Nero velluto
lesto
m'avvolge.
Vorticosamente
cado nell'imbuto...
mi travolge.
Scivolano le mani
al centro del buio
d'una misteriosa
profondità.
Dischiudo
il nudo dolore...
atomo esploso
inespressa corporeità.
Smarrita
nel continuo proseguire
l'anima d'istinto
proferisce orazioni.
Paura
e sbigottimento
non mi tangono...
sono solo sensazioni.
Non dimora
alcuna fine...
è l'inizio
di flebili emozioni.
Mi percepisco
leggera molecola
d'amore
nell'oscurità fluttuante.
Abissi illuminati
da misteriosa
salvezza divina...
tutto è confortante.

Altre opere di questo autore