Veloce ilarita'

Mese imprevedibile

e da secoli anche

un po’ birichino:

s’apre con vento e gelo

per ospitare il carnevale…

un eterno bambino. 

Sempre arriva

nelle vie e nelle piazze

con sottile ilarità:

dolci leccornie

da regalare al palato

in poco frugale quantità. 

Primeggian fra tutte

maschere variopinte

di danzanti personaggi:

uno scenario dei dì festosi

fra scherzi inaspettati

ed improbabili viaggi. 

Sorrisi ed allegria

vestono ore affamate

di eterea complicità:

istanti d’un effimero tempo

che, come per magia,

presto si dissolverà. 

Si scordano disappunti

e fatiche del quotidiano

vivere come si suole:

verniciati da sgargianti colori

di un’anima pura

che sol divertirsi vuole. 

Gustiamoci appieno

attimi indimenticabili

di ebbrezza e felicità:

farlo possiamo

sino a che la clessidra

al suo fine non volgerà.

Altre opere di questo autore