La scelta (parte seconda)

Per fargli sentire tutto l’entusiasmo che dentro le pulsava, affettuosamente Clara abbracciò Franco. Lui ricambiò prontamente, chiedendole se poteva entrare in casa. Per mano, lei lo condusse nel salotto e, dopo aver riposto nel guardaroba il soprabito che indossava, lo invitò a sedersi sul divano. Lo raggiunse, sedendosi accanto a lui.

- Mi sembra un sogno, rivederti dopo tanto tempo - disse Clara.

Franco, cogliendo la palla al balzo e superato un iniziale momento di trepidazione, non esitò un istante:

- Debbo dirti una cosa importante. Ascoltami con molta attenzione, te ne prego.

Improvvisamente, Clara si incuriosì molto, dinanzi alla serietà del volto di Franco. Pensò che volesse dichiarare i propri sentimenti, magari con una nuova promessa che, stavolta, avrebbe mantenuto. Infatti, si erano lasciati senza chiedere spiegazioni l’uno all’altra, quasi col terrore di spezzare quell’incantesimo d’amore che li avrebbe dovuti condurre ad un lieto fine. Ma qualcos’altro, era riuscito a fare in modo che i due amanti si separassero.

Franco iniziò col dire che sua madre non nutriva simpatia per la suocera e che quest’ultima l’aveva pagato affinché lui uscisse fuori dalla vita di sua figlia. Per non far soffrire Clara, aveva accettato quel denaro, perché l’azienda di famiglia versava in condizioni economiche critiche.

Ma il rimorso per un’azione così avventata, continuava a tormentarlo. Ecco perché si era fatto nuovamente vivo. Sentiva l’impellente bisogno di chiedere scusa alla donna che aveva tradito, vendendo la propria felicità alla suocera.

Clara arrossì tutta d’un colpo, ma il rossore che le accendeva gli zigomi divenne presto il fuoco della rabbia. Non credeva ad una sola delle parole che Franco aveva detto e si chiedeva:

- Se così fosse, perché me lo ha tenuto nascosto, sapendo che lei sarebbe stata disposta ad elargire una proficua somma di denaro, pur di sottrarlo ad una umiliante e vergognosa proposta?

Nella sua testa, rimuginava il pensiero di valere assai poco, per Franco, e decise di chiederglielo. Così, alzandosi dal divano, gli disse:

- Dimmi, perché li hai accettati? Te li avrei prestati io.

Guardandolo negli occhi, quasi a volerlo intimidire, proseguì:

- Rispondimi, Franco! Hai capito quello che ti ho appena detto?

Mentre infieriva sul malcapitato con espressioni malevoli, sentiva il cuore frantumarsi in mille pezzi. Era talmente sensibile, Clara. Una donna dall’animo buono che, quel fiabesco rincontrarsi, stava mutandosi in profonda agitazione, velata da un intenso risentimento e da un’insistente voglia di giustizia.

Franco tentò di farle capire che non era colpa sua e che la vita lo aveva messo con le spalle al muro. In realtà, dentro di sé, l’orgoglio eccessivo nel non voler mostrare debolezza alcuna agli altri, lo aveva condotto verso situazioni più facili e meno sofferenti.

- Lo sai che ti amo ancora, Clara. Accidenti! Mi chiedi un perché impossibile? E poi, non sono mai andato a genio a tua madre, ne sei perfettamente consapevole!

Come cera lenta, le lacrime iniziarono a scendere sul volto di Clara. Per anni lo aveva atteso, nella vana speranza che tutto potesse tornare come un tempo, in cui le frequenti visite romantiche, accompagnate da sfavillanti momenti di gioioso amore, potessero ancora fare capolino nella sua immensa vita solitaria.

Era una donna che sapeva amare le persone. Non per questo, Clara, era stupida. Intuitivamente, capì che avrebbe dovuto fare una scelta, pure lei. Una scelta spinosa, difficile, nella quale il suo futuro era, ancora una volta, messo a rischio, ma, di certo, non per colpa sua.

Voltò le spalle a Franco, che era rimasto seduto sul divano. Non voleva farsi vedere piangere e, soprattutto, esternare quel dolore, divorante ed impietoso, che lui le aveva, più o meno inconsapevolmente, procurato. Istintivamente, ascoltò la voce della coscienza che accorse in suo aiuto, in quel frangente zeppo di sgomento. Iniziò ad allontanarsi, uscendo dalla stanza in cui Franco si trovava, sempre più assente ed impreparato, dinanzi allo sconvolgimento di Clara.

Prese il soprabito di lui, lo appoggiò sul divano e, singhiozzando, disse:

- Esci da questa casa.

Franco finse di non capire e, con un filo di voce, rispose:

- Clara, ti amo, lo capisci vero? E’ stata tutta colpa di tua madre, io non c’entro nulla. Non t’avrei mai lasciata. Fidati delle mie parole.

Clara si sforzò di non piangere. Lo guardò negli occhi, sbigottita, e gli disse:

- L’amore non si conquista con l’inganno. Non si vende, non si compra. L’amore vero si conquista con il sacrificio e la fiducia; altrimenti, a cosa servirebbero le sofferenze? Ora, ti prego, Franco, esci da questa casa. Non te lo voglio ripetere nuovamente.

Ancora una volta, l’orgoglio bussò all’anima di Franco, assecondandolo, come al solito.

Prese il suo soprabito, si avviò verso quella porta, decolorata dal tempo, che Clara prontamente aveva aperto, al suo arrivo. Si voltò verso di lei:

- Cosa farai, ora?

- Quello che ho sempre fatto, sopravvivrò! - rispose Clara, con il cuore in gola.

Non aggiunse altro e serrò la porta a chiave.

Altre opere di questo autore