Riscrittur del 130? Sonetto di Shakespeare

Del sole gli occhi tuoi non han splendore, la neve ? bianca: il suo seno ? scuro, il coral de le labbra ha pi? colore, aureo ha il crine, se l'oro ? grigio e impuro. Ho visto tante rose: il lor candore diverso ? dal viso, v'assecuro, ed i profumi han migliore odore del suo fiato, non son di naso duro. Amabil voce ma con pi? ardore la musica io sento, ve lo giuro; non cammina su suolo superiore ma pesta terra col passo securo Eppur per lei io nutro raro amore senza paragon falso e perituro.

Altre opere di questo autore