OFELIA

Più non ti serve, Ofelia, il sole
a illuminare il tuo infelice amore
musica nuova avrà per te ogni fiore
amiche ti saranno ancor le viole.

Custode sarà l'acqua delle fole
che narrare potrai senza timore
allontanato ormai ogni rumore
dal cuore che ora più non duole.

Il fiume canterà le tue canzoni
che indifesa regalavi alla vita
come preziosi ed ingenui doni.

Crudele destino ti ha carpita
annegando amore ed i suoi sogni
e non sai che lui mai t'avea tradita.

Altre opere di questo autore