La sedia vuota


Che bello magnà assieme
er giorno de Natale,
'na bella tavolata co' tutti li parenti.
Se famo du' risate
guardanno i regazzini
che come cavallette
se scartano i regali.
Magnamo er panettone
e 'mpezzo de torone,
du' nocchie co' du' noci
e 'ngoccio de cacchione.
So contenti li pupetti
so tutti cuginetti
stanno assieme e se diverteno
confrontandose li doni.
“Questo è er mio che è er più bello,
quello tuo nun me piace.”
ma che bella ch'è 'sta festa
der Santissimo Natale
che raduna tutti quanti,
dai più piccoli ai più grandi.
C'è pero 'na cosa storta,
che a noiantri nun ce lascia
apiccicato come colla,
un gran velo de tristezza.
Noi contenti che magnamo ,
a squarciagola che ridemo
saccorgemo dopo 'mpo'
che 'na sedia è ormai vota
nun sarà più come prima
nun sarà più 'sta gran festa
quella sedia che ormai è vota:
è la sedia de papà.

Altre opere di questo autore