Natale

Natale? Dispensa speranze come caramelle assortite a povere stelle che si spengono tra coltri di sabbia rovente. Luci soffuse accolgono l?alba e i sogni svaniscono tra le braccia del sole. Ancora lacrime bagnano quella zana che dondola pigra e braccia tese invocano piet? per giorni cupi. Illusioni attendono di surrogare il dolore e di levarsi al vento di scirocco per strizzare porzioni di cielo e attingere gocce di vita. Natale? schiudi il tuo scrigno d?amore per gente affannata di niente fra multicolori attrazioni e sommersa di frizzi anela al rimpianto di un regalo mancato e dimentica il dono d?essere nato.

Altre opere di questo autore