Hai perso il moto della bocca

Sono tutte grandi stronzate. Di cosa si dovrebbe discutere? Uomo quando hai perso la facoltà della comunicazione? L'istinto, l'affinare le tue volontà e affilare le tue abilità. Ormai, da lustri, ora che siamo tutti connessi. Ora che viaggiamo nella spazialità dell'immediato, ma vuoto. Ora che sputi e ripieghi il tuo danno sopra un fondo bianco ben lontano da un foglio o qualsiasi tipo di contatto epistolare tra te e te ,tra te e chiunque. Ora che rigetti il tuo frustro su una realtà che non ti dovrebbe appartenere così tanto, che non dovrebbe assuefarti in modo così esponenziale. La verità? Nello stesso momento in cui prendi coscienza di questo, ti rendi conto di essere solo, non a livello fisico o emotivo, parliamo di altezze ben superiori. Parliamo umanamente. Parliamo che hai perso il torpore della pelle calda, hai perso la lingua, tagliata da chissà quale lestofante. Forse sei ancora capace di guardare dritto nelle iridi del tuo interlocutore, forse, ma ben distaccato da quello che dovresti scaturire. Combattendo in quel lastrico tra il dico o taccio. Tra il penso ma non dico. Tra il voglio ma non faccio. Contrapposto con te stesso tanto quanto le realtà che vivi e che scambi. Hai perso il moto della bocca, hai perso il tuo più grande potere, il tuo più grande fascino, la parola, e sei. Solo. Continui a perderti in questo flusso nero, alla ricerca dell'approvazione personale, ma la tua sensibilità nega, la tua mente traduce, consapevole che questo perdersi non è un perdersi. Non è il viaggio. E' solo un movimento per niente calibrato che senza dubbio, non donerà le chiavi per accedere al tuo rinascimento. Sarai solo distaccato. Estraniato da te stesso e dalle tue volontà pure e benigne, sperando che esse cambino sfuggendo. Sorrido, e mi dispiaccio. Che tu sia finito così in basso. Che tu abbia denigrato e poi accettato la mediocrità della tua realtà cercata e presa giusto per viverne una piuttosto, che starne senza. Hai perso il moto della bocca, pure con te stesso.

Altre opere di questo autore