Niente mura

E' dall'alto dove le ali della presenza educata riscoprono l'armonia delle vette blu cobalto dove la parola ? granito e la sua sorda postura un riflesso di luce bianca. Lass? non ho sentore di allucinazioni, posso sedere e accarezzare le nuvole gentili, che non voltan le spalle perch? in loro ? innata la saggezza del tempo... E rannicchiato nella convinzione che un passo in avanti sia il tuo pegno per la presenza, lucidi le maniglie del Titanic ingannando l'attesa che ? prossima.

Altre opere di questo autore