...E SARA' PRIMAVERA

Orma gigante lasciata sul prato o sui germogli di un campo di grano. Impronta arrogante che stermina tutto. Lacrime bagnano le schiene piegate di delicati fiori e teneri fili d'erba. Con prepotenza assassina calpesti nel nascere il loro libero crescere. Col tuo gelido cammino conquisti la vetta piu' alta da cui dominare quei fili spezzati e quei giovani fiori. Come bandiera che aiutata dal vento sventola libera e di aria si nutre prova anche tu a liberarti nel cielo, solleva quei passi e rimani sospesa in volo rasente generosa e leggera. Allora vedrai germogli di grano diventare spighe dorate poi soffice pane. Amerai quei teneri fili come fossero figli e cresceranno tappeti di verde speranza Vedrai i colori dei fiori su tutta la valle, sentirai i profumi nella loro essenza e sar? primavera sar? nuova sar? pura

Altre opere di questo autore