La sera

(Non mi rimane altro Che inventare il mio epitaffio Studiare La mia uscita di scena Teatrale e immaginifica.) (I) Ho amato Onestamente Come onestamente Ho cercato di vivere Ma non mi ? rimasto Molto sulla punta della dita Che possa ancora uscire Da questa tastiera Che nel tempo Ho cos? tanto martoriato Con i miei improbabili Quanto mai impossibili Sentimenti E volutt? notturne. Alla sera mi sento calare Il sole addosso E le luci diventano Sempre pi? tremolanti e fioche E i monti all?orizzonte Si confondono Con il cielo Sempre pi? scuro, come la mia vita. (II) Come vorrei Che tu fossi qui Dice una vecchia canzone Ed insieme cantare Davanti ad un bicchiere amico Parlare di tante cose Come ridere di nulla. Ma il tempo ? passato, e gli amici sono ormai solo fotografie appese allo specchio che sorridono di circostanza e delle loro risate rimane solo il ricordo lontano.

Altre opere di questo autore