Parole morte

Ho pensato Pi? volte di Buttare le mie braccia Al video che illumina Le mie tarde notti; Ho pensato Altre volte di Buttare la faccia sopra La tastiera Nell?improbabile tentativo Di ricevere Un qualche conforto; Ho pianto tante Di quelle volte che ormai Il solco ha segnato Il sangue; E questo Battere di tasti Mentre scrivo Quasi ritmico Non ? altro che il respiro Del mio dolore Che si fa sostanza E corre scorre inutilmente Sopra questa plastica opaca Lasciando unica traccia Un funereo corteo di Parole morte.

Altre opere di questo autore