*Oblio*


Oblio, oblio, oblio

oblio anelo

smorzi esso il dolore

e lenisca il cuore

dissolvendo i ricordi

tra le pieghe

del tempo

ed insinuando

nuove emozioni

tra le pieghe

dell'anima.

Oblio, oblio, oblio

di ore vuote

e di sogni

spezzati a metà

di incubi notturni

e di  accorato pianto

infantile.

Oblio anelo

tra vecchie illusioni

e desideri nuovi

che non son riusciti

del tutto a lenire

ferite antiche.

Oblio, oblio, oblio

avvinghiata

dal nero angelo

della nostalgia

a volte la speranza

non trova più

il verde

per colorare

i suoi sogni

ed il blu

per dipingere

il suo cielo.

Oblio, oblio, oblio

sotto una fredda

pioggia invernale

vorrei scomparire

resa invisibile

da una fitta nebbia

obliare, a volte

vorrei

ed essere obliata.

Oblio, oblio, oblio

un'onda furente

irrompe

tra gli  appuntiti scogli

della mia anima

trascinandomi via

quale frantumata conchiglia

tra le sue

avvolgenti spire.

 

Antonella P. Di Salvo  2010

Altre opere di questo autore