* Attendo l'alba*


Attendo l'alba
con ansimante cuore
che vuol fuggire lontano 
dalle arroventate ceneri
del passato
allargando le mie ali
rinvigorite
oltre le grigie nuvole 
della malinconia.
Tepore residuo 
di incantevoli sogni nudi 
scioglie gelidi cristalli 
di inquietudine
e lenisce ferite
dell' anima. 
Dolcezza e nostalgia
parlano ai miei ricordi
soffiando a lungo
fra l'eco di solitarie valli
il nome tuo sospirato.
Voglio ascoltare il canto delle stelle
e chiudendo pian piano gli occhi
colmare i miei vuoti
con il puro incanto dei sogni.

© Antonella P. Di Salvo

Altre opere di questo autore