Scaffali
Altro Amicizia Amore Comicità Dedica Donne Erotismo Fantasia Festività Introspezione Morte Natura Ribellione Riflessioni Satira Sociale Spiritualità Uomini Vernacolo
Pubblicità
Verso l'alto
massimo cavalluzzo
Pubblicata su Athena Millennium il 04/12/2009

E salgo...salgo ancora....
m'arrampico con le mani
infilate in ogni piccola fenditura,
dell'indaco di roccia...
E gli scarponi pressano,
danno peso e spinta,
come se inseguissi verso la vetta
la mia anima perduta
in quell' immenso cielo
che lassù, oltre quel picco,
sovrasta sforzo, impresa e sfida
al te che imprecando insegui
lo spirito dell'ultima montagna.

Lontana volteggia l'aquila,
padrona del suo regno... e disdegna
la trascurabile formica di piccozza
che scalfisce solo appena
questa parete di sovranità Natura
che indifferente, pur'essa mi ignora...
O forse, placida, mi sopporta
come fa col suo curioso sguardo,
dall'altra cengia, l'immobile camozza...

L'aria è tersa, luminosa e minima...
E il respiro il battito rafforza
mentre l'occhio mio si alza
a mirare verso l'alto, lontano
ma giusto un po' sotto l'azzurro...
là dove la spennellata bianca
dell'ultima residua neve
è ghiaccio che par che dica a me,
in plastica ma sofferente pausa:
resta lì! Intruso...



11/12/2009 - ILE
più sali più senti la fatica, ma laqssù in cima potrai tornare a volare....
05/12/2009 - oxun
"L'aria è tersa e luminosa...." come sempre, nei tuoi scritti. Un inchino e un sorriso.
05/12/2009 - rosalga
sei in contatto con il divino, e la tua è sacra umanità, carissimo! E mi inchino alla bellezza dei tuoi versi, rosa alba
1