Senza il sole

Lontano vedo il sole che sorge dalle fredde acque di un dolore... Sembra ridere dello spettro che lo guarda, che piange di ogni orma lasciata nel suo cammino. Intorno il vuoto, la mente vaga verso il nulla dell'infinito, i fili che compongono la sua anima sono intessuti tra loro per formare un velo, dove nascondere se stessa, o il sole del suo dolore. Lo spettro vaga in un mondo troppo buio perch? non vuol vedere, nello splendore della vita il suo amore... Sola come una rondine, vola senza pi? parole, ma cerca la luce che gli ha preso il cuore.

Altre opere di questo autore