Donna indulgente

Voglio mari di dolcezza Per me che dolce non sono Potrei cambiare Potrei diventare la donna indulgente che desideri Potrei non essere pi? tanto esigente Potrei trasformare la mia voce suadente In un melodioso suono Potrei diventare anche pi? mansueta se me lo chiedessi Potrei rinunciare al mio esasperato fascino Ma cosa mi dai tu Tu che dici di amarmi tanto sentitamente Mi dai le spalle Che io guardo E ammiro Per il loro vigore Ma non sono su di loro Che vorrei posare il mio viso Vorrei morbidi cuscini Nei quali sprofondare Per non vedere le tue larghe spalle Con le quali credi di proteggermi Voltati verso di me Per una volta almeno Dammi l?onore di insinuarmi nei tuoi occhi Di riuscire nella frenetica ricerca Di una luce nel buio che vedo Ci deve essere qualcosa

Altre opere di questo autore