Tu,Immobile

Dietro quella porta,
mi spiavi solo quando il tempo consumava
il tuo equilibro.
Ti nutrivi di un'immagine astratta e ferma,
in attesa di un significato.
Ricordo quando pensavi
che crescendo avresti scoperto
quel mondo descritto nell'ultima
pagina del tuo libro.
Ora, distesa e immobile guardi il soffitto
ruotando gli occhi
come per disegnare qualcosa...
ma resti lì, ferma coma una statua,
consapevole che il tuo futuro è in fiamme,
resti lì, a sorridere ugualmente.
Cerchiamo continuamente
strade opposte al nostro destino.
E arriviamo in fondo solo quando
le nostre verità spingono
la ragione nell'aldilà.

Altre opere di questo autore