Tosse tra le persiane




Una parola una folla e sopra un tetto senza i coppi per il cielo
a chi l'osserva pillole di fermento nelle fronde d'estate bocche
sempre aperte mai ubriacate da quelle nubi certe sorde campane.
L'effetto è a sera quella che cuoce i corridoi tosse tra le persiane
e si ritira fedele alla cadenza forse di redenzione che il rosso prossima.
Viluppo l'incide nei suoi veli e il timpano si volge ed è forse il vento
di trombe al ritornello uniche al chiaro compite stelle felici e parlate.
Certo è corto pur imminente d'ali lo sguardo di bacche labbra serrate.
A coppie la scintilla morde che dice verso iniziale e finale assottigliate .
E tutto che cerca assorbe il fermare.

Altre opere di questo autore