Lenze in deriva





All'ancora ancora e le lenze in deriva dal piacere dell'acqua
la parola è frase e si crede il pescatore assente gigante nel suo amo.
Ci sono titoli per ogni galleggiante che il tuffo segue alle prede.
È la guida a certi indirizzi di un luogo che non hai mai trovato
un gozzo in bianco e nero foto amatoriale di teatro del fare.
Dal tempo le mani senti lo strattone uno scafo dislocante più debole
curato e guarito all'età di nido serti di fiori mai della favola il banale.
Chè sorregge reca e domani avrai.

Altre opere di questo autore