Putto angelo

 




Brullo paesaggio il provocare scogliere e solchi di bianco gesso guazzo
dove la roccia è un'iniezione di mare e di concerto l'incisione lingua.
Diversità è il grazie di ex voto appesi all'osteria palestra e processo
ritagli di giornale su poveri del falò in quelle stanze a mezz'aria di famiglia.
Azzurro è cresciuto il cielo per mano ha preso il mare da cui spiare
fori e fessure come le persiane i soldati sull'attenti alberi se stessi ombre.
Giocando a carte si segue ogni smorfia senza averla al nostro fianco pizzico
un punto alcuni uomini un processo è un soggiorno di ritratto su ghiaccio.
Il viso in polvere putto angelo erote una scheggia di specchio un coccio trainato
lì tra le briciole testardo per uno e per uno noi di utilizzo ponte quotidiano deviato.
Sponda si sta.

Altre opere di questo autore