Barche di carta

 


Quasi da barche di carta questo mare affatto dolce e giù dal letto ospite
in questa mattina da campagna per eco di rintocco di cicale all'oro ribolle.
C'è da chiedersi che distanza ha l'istante tra ventre e neonato se è amore.
E' quasi friso e oramai un piccolo gioiello è un ciuffo da decidere la proda
se in isola si è soli o circondarti caso o intenzione tic tac e molto tempo
l'ammissione d'un debito in un ritaglio la via un surrogato come il coatto canto.
Segue si scaglia addita fiabe e ricordi da vacanzieri finali versi comuni senario.
Resta il timone testardo e forse polena musa un breve attimo ironico sarcastico.
Il biglietto sino all'orlo più giù staccato cencio da bere fiato.

Altre opere di questo autore