La luna i suoi raggi un campo

 


Sono tante nuvole in questo brodo di picchi acciughe povere e scaltre
che poi degli occhi hanno la fuga attacco d'onda al frullatore lieve e tace.
Linea di pastello e mente bimbo in larghi confini agli abeti d'affetto scelti
grumi con ciglia lunghe l'oro dell'oro gioco e qualche anno ancora ricette.
La febbre alle monete l'altra faccia scottata di Pinocchio un round di bellezza
volpi grilli fuori dal riserbo e un vero peccato sbornia alla vittoria libero.
Le tre ondine poppa e prua per una battima allo sbadiglio e contrabbando.
A setacciare la sabbia c'è il tesoro in arrivo per nulla scontato puerilità d'adulto.
Minatore di carbone bianco il portafoglio delle correnti trafugato fingendo
e scopri il soldato tolta la coda più decorato al fosso scavato valore alto.
La luna i suoi raggi un campo.

Altre opere di questo autore