Nel grembo l'infinito

 


Si cala sipario in qualche muro a secco il geco in poche ore di cammino.
Oggi come ieri ha parlato alle luci da foto le uniche a circondare in cerchio
quelle che la luna aquila vede frammenti itinerario per scoprirsi dialogo.
Giovane e autentica di penombra un'armonia di sguardi gradini senza conti
e in immersione le mani da spiraglio i vincoli del tempo non rifiutati li vuole.
A una risposta stanno gli acquazzoni d'un giorno libero sempre uno in braccio.
Nel grembo l'infinito scritto che pare.

Altre opere di questo autore