Primavera malattia

  Primavera malattia


Vele del giorno si gonfiano e sgonfiano i pensieri in alito
sul velluto o carezzando steli di rose ad occhi chiusi di scacco.
Strada la mente che gira per la stanza in solchi di rughe
ride e piange primavera malattia se non di più al suo meraviglioso.
Terrazzo della carezza il sole come un rosario che può pregare.
Qui sopra di comunione è umile anche un gatto a chioccia
che spia lo scorrere delle feste a un sorcio in cui s'è perso.
Infondo al cielo ci si arriva per una scala il mare e il suo rischio.
Si emerge al soggiorno autunno per non rubare.

Altre opere di questo autore