D'insieme e d'abbandono

 




Scale molate che a taluno calzano d'inciampi ai lucidi bordi
viziati sfamati cullati contatti d'insieme e d'abbandono
come filo di quelle strade che corrono tra il bucato vagito
il profumo con tante informazioni di vergine neonato.
Dell'acqua più adeguata il buon comportamento cadono alluminate
quelle fisse ruote bagagli di vacanze con ritmi lenti per crescere.
È individuale la semplicità e noi sembriamo crederle
e si va spesso più avanti per poter a metà strada continuare.
Qui toccano quattrocchi e una parola offuscata.

Altre opere di questo autore