Ci? che nudit? ? distacco

 

Nitido trascinandosi a sedurre paradisi sfogo si tuffa l'opaco.
Semina vita alla corsa d'un brivido sulla faccia in favola indecisa
questo fruscio in uno stormo gira ch'aggrotta ore adorazione
la mano frase dell'amore a darmi rifrazione d'identità vizi brace.
Rapaci di bottino becchi ch'han cacciato a custodire demone divaga
e di riannodare tende al nodo la preda da buoni o da cattivi
man mano che corpo perde prende da credersi al guinzaglio.
Fumetti parentesi un'espressione si va quei sandali reliquie di luce e buio sentiero com'è in prigione derubato schiavo ciò che nudità è distacco.
A spasso e basta a chiedere rammendo parvenze il groviglio
d'uno scambio del silenzio frantumata goccia nella terra freno fango.
A calar di sentimenti che leggi escluso gioca forse il suo asso.
Rilancio.

Altre opere di questo autore